ACT Finanz - Gestori Patrimoniali Svizzera - Wealth Management Switzerland -
Close

Apple e banche: scontro in vista?

Gli attuali sono sistemi di pagamento in “sostituzione” a quelle delle banche o altro?

Ma il modo in cui Apple – e l’iPhone in particolare – minacciano il potere delle banche è più ampio e più sottile. Non solo attraverso sistemi di pagamento proprietari, ma grazie anche e soprattutto a una rete di app che hanno rivoluzionato il nostro modo di gestire finanze e pagamenti senza mai intrattenere rapporti con la banca fisica. E se poi Apple e Google decidono di mettersi in gioco in prima persona la questione si fa più complicata e più seria.

In Australia – si legge su un articolo di adnkronos.com – lo scontro è già acceso, ed è emblematico di come le cose potrebbero progredire in futuro anche nel resto del mondo. Uno dei punti di scontro maggiore al momento riguarda il tentativo di Apple di limitare l’accesso delle banche australiane al chip di pagamento degli iPhone, il tutto mentre grazie all’open banking ha modo di accedere liberamente ai dati dei clienti delle stesse banche. La risposta da parte dei vertici dei grandi istituti è stata caustica, con il direttore della Commonwealth Bank Matt Comyn che ha commentato come “i produttori di device mobili ora possono decidere i termini secondo i quali le banche possono offrire i loro servizi ai clienti”. E il direttore della Reserve Bank è andato più a fondo, con un’analisi che probabilmente esprime il pensiero di tutti i banchieri del mondo. In un‘udienza parlamentare ha chiesto una revisione della regolamentazione dei sistemi di pagamento. “C’è bisogno di aggiornare la legislazione in materia, magari includendo un regime di licenze speciali per i provider di pagamenti”.

Act Finanz: il nostro management

Fabio Gallo, Act finanz
Fabio Gallo, Act Finanz Svizzera - CEO Act Finanz - ACT Finanz - Actfinanz
Fabio Gallo, CEO Act Finanz – ACT Finanz – Actfinanz
Gian Luca de Risi, Act Finanz
Gian Luca de Risi, CIO Act Finanz
IT